Le donne in Rosa

Chi siamo

Nel 1996 nasce in Canada – per volere del Dott. Don McKenzie – il progetto “Abreast in a Boat” dedicato alle donne operate al seno con l’obiettivo di sfatare il mito che per chi abbia subito l’asportazione parziale o totale del seno a causa del cancro, non sia possibile sostenere un’attività fisica, stante la condizione di rischio linfedema molto elevato.

Il Dott. Don McKenzie ha pertanto coinvolto un gruppo di volontarie in una attività che impegnava essenzialmente le braccia e il busto.
Da quel giorno il progetto è stato adottato in molti paesi americani ed europei.
In Italia la prima squadra di donne in rosa è nata a Roma nel 2003.
A Torino, un gruppo spontaneo di donne operate al seno è dedita al dragonboating già da anni.

Il progetto oggi

Il CUS Torino e successivamente la Società Canottieri ESPERIA hanno aderito a questo progetto mettendo a disposizione i loro spazi e il loro allenatori.

Ora le DRAGONETTE sono socie del Circolo Amici del Fiume e dispongono di 3 dragoni da 20 posti (di cui 2 omologati) e un draghino da 10 posti (anch’esso omologato) e sono allenate da un team di 4 allenatori.

Le donne in rosa nel mondo, testimoniano quanto la disciplina sportiva del Dragon Boat possa essere efficace sia dal punto di vista del recupero fisico che da quello psicologico. Una volta che si sale sul dragone e si comincia a pagaiare tutti i pensieri svaniscono, il silenzio interrotto solo dal ritmico sciabordio dell’acqua libera la mente e alleggerisce il peso delle paure che dalla diagnosi grava sulle nostre spalle.

La squadra oggi dispone di 3 dragoni (da venti posti) di cui 2 omologati da gara e 1 draghino (10 posti). Quattro allenatori si alternano negli allenamenti.
Gli allenamenti sono supervisionati dal dott. De Taranto , laureato in scienze motorie con specializzazione in riabilitazione post traumatica.
Altri 3 allenatori sono laureati e laureandi in scienze motorie coadiuvati da una fisiatra e una fisioterapista.

Le Dragonette

La squadra delle Dragonette oggi è una realtà a tutti gli effetti. Seppure ancora in crescita, la squadra è già stata riconosciuta dalla Federazione Italiana Dragon Boat, sezione donne in rosa.
Le Dragonette costituiscono un equipaggio in grado di partecipare a manifestazioni e competizioni, non agonistiche, di dragon boat.
Con le Dragonette si allenano da tempo anche donne non operate che supportano le “diversamente fortunate” (come si autodefiniscono le Dragonette stesse), diventandone così parte integrante della squadra. L’obiettivo di raggiungere due equipaggi – uno in rosa e uno in blu – è stato quasi raggiunto.

Gli allenamenti

Gli allenamenti si differenziano per intensità e volume di lavoro su due gruppi differenti.

Una barca accoglierà bisogni speciali, fisicità in via di recupero o semplicemente con doti atletiche mono spiccate che necessitano di un approccio all’allenamento più riabilitativo, le uscite saranno centrate sul potenziamento di base e il mantenimento di una buona performance cardiaca oltre al lavoro sul gruppo, il ritmo e il giusto gesto atletico.

La “barca “sportiva” è rivolta invece a tutte le donne che hanno superato la fase acuta della malattia e che vogliono migliorare forza, performance cardiaca, tecnica sfidando se stesse e le altre squadre in un percorso semi-agonistico, dove l’impegno per ogni allenamento è centrato e misurato per partecipare a manifestazioni e gare di BCS e non, senza perdere di vista però, l’aspetto più ludico e dilettantistico dello stare insieme.

Gli allenamenti si svolgono presso: Circolo AMICI DEL FIUME:
Corso Moncalieri, 18 , Torino


martedì e giovedì dalle h. 19.00 – 20.30
sabato dell’accoglienza h. 09.00 – 10.30

Torna su